Ben 10 Wiki
Advertisement


Servantis è il leader dei Rooters e un ex risolutore di grado Proctor che è stato l'antagonista principale del sesto arco narrativo di Omniverse. Convinto che Ben Tennyson fosse troppo immaturo per maneggiare l'Omnitrix e che fosse una minaccia che un giorno avrebbe potuto spazzare via l'Universo, ha dedicato i suoi sforzi a escogitare un piano per distruggerlo.

Aspetto[]

Come umano, Servantis era un uomo alto, eccezionalmente pallido, con una barba nera a punta e la testa calva. Aveva occhi neri con contorni scuri.

Come ibrido Cerebrocrostaceo, Servantis ha la pelle rosso chiaro, una grande testa rossa e indossa un'a Proto-armatura nera. Le sopracciglia e la barba sono appuntite, simili a quelle del Dr. Psycho. Ha punte ai lati della testa. Gli occhi sono rossi e ha un cristallo rosso al centro della testa. Può aprire la testa per scoprire il suo cervello, che è di colore rosa. Ha tre artigli su ciascuna mano con la stessa colorazione della squama che ricopre il cervello.

Personalità[]

Nella sua prima apparizione, Servantis è arrogante e crudele con i suoi colleghi Risolutori. parla loro male e usa persino i suoi poteri mentali per prendere dolorosamente ciò che vuole dalle loro menti.

Alla fine si scopre che le sue azioni sono il risultato della convinzione che Ben sia una minaccia per l'intero universo, derivante dalla paura di fondo che un potere come l'Omnitrix non sarebbe mai dovuto finire nelle mani di qualcuno come lui, per il timore che un tale risultato avrebbe portato la devastazione dell'universo (timori inavvertitamente dimostrati veri). Per fermare questa "minaccia" percepita, Servantis è disposto a ricorrere a qualsiasi mezzo, per quanto amorale o crudele, come usare innocenti come cavie e armi per distruggere Ben e alterare con la forza i ricordi degli altri. Non mostra alcun rimorso per questi atti e, in alcuni casi, prova addirittura un profondo piacere.

Pur essendo astuto e taciturno, Servantis ha poca o nessuna pazienza per l'inettitudine dei suoi subordinati, mostrando una notevole rabbia per il fallimento della sua unità d'élite nell'eliminazione di Ben. Tuttavia, non era così accecato dalla rabbia da non vedere un'opportunità in questo.

Inviando gli agenti Amalgam sulla Terra senza memoria delle loro vite precedenti, Servantis ha creato gli agenti dormienti perfetti per avvicinarsi all'obiettivo in modo da risolvere il problema di Ben in maniera estremamente calcolata. È astuto nel giocare sulla compassione di Max Tennyson per convincerlo ad allevare e nutrire i potenziali assassini di suo nipote, indicando che ha abbastanza senno di poi e lungimiranza per pensare a lungo termine piuttosto che affrettare i risultati abissali. Mostra anche una notevole dose di pazienza, di pensiero strategico e di naturale intuizione psicologica.

Storia[]

Background[]

Servantis un tempo era uno scienziato Risolutore che divenne il Proctor dell'ala delle operazioni nere degli idraulici nel Vuoto Totale, i Rooters. Portava bambini umani e alieni nel Vuoto Totale per condurre esperimenti genetici su di loro utilizzando i suoi ingegnosi progetti.

Un giorno, al momento della fuga di Kevin dalla prigione del Vuoto Totale dopo aver stabilizzato i suoi poteri, quest'ultimo dopo essere stato salvato da dei vulpimancer dai Rooters si ritrovò sotto le cure del Proctor. Servantis capì immediatamente il significato dell'anomalia genetica unica di Kevin, che avrebbe permesso la creazione di numerosi ibridi che egli addestrò in una serie di missioni grintose e sottobanco in tutto il Vuoto Totale.

Il programma di Servantis aveva l'esplicito scopo di preparare e accumulare risorse in vista della distruzione di Ben, che all'epoca riteneva una minaccia per l'universo. Molto probabilmente è venuto a conoscenza dell'esistenza di Ben attraverso le interazioni di Kevin. Dopo che Kevin e gli Amalgam non riuscirono a uccidere Ben, Servantis considerò l'intera missione un fallimento, cancellò i ricordi della squadra e li mandò a spasso nel Vuoto Totale, ma sperava ancora che potessero essere utili in futuro. A questo scopo, Servantis diede a Max Tennyson dei falsi ricordi di un uomo di nome Devin Levin, facendo credere a Max che fosse il padre di Kevin. I ricordi del falso padre di Kevin sono stati usati per convincere Max a sorvegliare Kevin e gli Amalgam, in modo da poterli usare in caso di necessità.

Servantis potrebbe aver trovato nel Vuoto Totale un alieno adulto di nome Aggregor. Servantis potrebbe aver pianificato di usarlo per uccidere Ben dopo il suo precedente fallimento. È probabile che Aggregor abbia cercato di ottenere più di quello che Servantis voleva per lui, si sia ribellato e sia fuggito nel Vuoto Totale per ottenere il potere assoluto alla fucina della creazione.

Cinque anni dopo, Servantis è tornato in azione dopo aver appreso che Ben ha ricreato l'universo usando Alienics dopo che questo era stato distrutto dall'Annihilarrgh.

Omniverse[]

In Squadra speciale Rooters, Servantis apre un portale dal Vuoto Totale al Quartier Generale dei Risolutori. Dice ai Risolutori di essere venuto per Kevin Levin. Manda due dei suoi agenti a cercare Kevin, ma quando falliscono, va a cercare anche lui. Dopo averlo catturato, nel quartier generale, i Risolutori attaccano i Rooter per assicurarsi che Kevin possa fuggire in sicurezza. Dopo aver letto le menti di tutti e aver scoperto che nessuno sa dove sia Kevin, torna nel Vuoto Totale. Prima di andarsene, dice che c'è una minaccia per l'intero universo che Ben non può capire, e che alla fine si rivela essere Ben stesso.

In Arma XI, ha fatto il lavaggio del cervello a Helen, Manny e Alan per distruggere Ben e apparentemente ha convinto Kevin a riunirsi ai Rooters, ma Kevin stava solo fingendo di essere con loro e ha distrutto il cristallo sulla sua fronte, liberando gli Amalgam dal suo controllo. Dopo la battaglia, La Magistrata revoca il suo status di Risolutore insieme agli altri Rooters e, con la loro base confiscata e teletrasportata via, rimangono bloccati nel Vuoto Totale e alla mercé dei Cattivissimi.

Poteri ed abilità[]

Prima della sua mutazione, Servantis era uno scienziato geniale, in grado di costruire macchinari avanzati per svolgere una serie di compiti sporchi. Uno di questi era in grado di trasformare gli esseri umani in ibridi alieni con il giusto canale per incanalare e trasferire energie diverse tra due ospiti.

Dopo essere diventato per metà Cerebrocrostaceol'intelletto di Servantis si era potenziato fino a raggiungere nuove vette. Aveva anche acquisito la capacità di leggere la mente, comunicare telepaticamente, filtrare la realtà e indebolire le persone usando i suoi nuovi poteri mentali.

Il cervello potenziato di Servantis gli permette di sentire e percepire ciò che accade al di fuori dei suoi immediati dintorni, e Gwen ha pensato che si sia reso conto che l'universo al di fuori del Vuoto Totale è stato distrutto non molto tempo fa.

Servantis è dotato di elettrocinesi e può sparare raggi elettrici ed erigere potenti campi di forza dal suo cranio.

Servantis può manipolare la materia e altri fenomeni soprannaturali attraverso la manipolazione psicocinetica elettrica. Può anche levitare.

Servantis possiede la telecinesi, potendo spostare oggetti e persone con il pensiero. Può anche disattivare le trasformazioni di Kevin basate sull'assorbimento con un semplice sguardo.

Servantis è in grado di fare il lavaggio del cervello alle persone per fargli fare il lavoro sporco e di mantenere una mentalità psicologica alterata per anni, come ha fatto con Kevin Levin e i suoi vecchi soci molto tempo dopo averli liberati dal servizio dei Rooters.

Servantis è in grado di influenzare le menti per fargli eseguire ordini specifici attraverso una precisa alterazione della memoria e lo sfruttamento delle carattere, come nel caso di Max Tennyson che si è occupato dei giovani Amalgam.

Anche senza questi poteri, rimane abile nell'arte di manipolare gli altri. È molto carismatico nel far leva sulla percezione personale, come dimostra nel convincere l'ex sociopatico e paranoico Kevin a eseguire i suoi ordini.

Essendo un Risolutore addestrato, Servantis è abile nelle arti marziali e combatte senza problemi Molly Gunther in un corpo a corpo.

Equipaggiamento[]

La Neuro-Matrix era il dispositivo che permetteva a Servantis di esercitare il suo potere sulle menti altrui. Aveva la forma di una gemma rossa incastonata nella sua fronte.

Debolezze[]

Servantis non può controllare i pensieri di Kevin, il che lo rende più difficile da manipolare rispetto agli altri Amalgam. Può essere usato solo come tramite.

Essendo in parte Cerebrocrostaceo, si può presumere che Servantis abbia alcune delle stesse debolezze di qualsiasi Cerebrocrostaceo.

Servantis usa la Neuro-Matrix sulla fronte per usare i suoi poteri di controllo mentale. Tuttavia, la Neuro-Matrix è fragile e può rompersi in caso di impatto diretto con una superficie dura. Dopo che Kevin ha rotto la Neuro-Matrix, i poteri di controllo mentale di Servantis sono stati disattivati.

Etimologia[]

Servantis deriva dalla parola servāns che significa mantenere o salvare.

Curiosità[]

• Servantis coniò il nome "Osmosiano" come termine per i mutanti.

• Servantis sembra essere basato su Il Capo della Marvel Comics.

• Derrick J. Wyatt ha considerato Servantis come il cattivo più malvagio di Omniverse affermando che "è piuttosto terribile sia per l'uso di bambini per il suo lavoro sporco che per la sua manomissione mentale".

• Derrick ha ipotizzato che ci siano dei sentimenti tra Servantis e Swift.

Advertisement