Ben 10 Wiki
Advertisement


Addwaitya è un Geochelone Aerio che ha imparato la magia migliaia di anni fa. È un essere mistico malvagio, considerato il più potente stregone dell'universo.

Aspetto[]

Addwaitya è una creatura simile a una tartaruga con un'energia rosa simile al fuoco del mana che circonda la testa. A differenza del normale Geochelone Aerio, Addwaitya non ha braccia a forma di pinna.

In Patto Inaccettabile, le fiamme intorno alla testa di Addwaitya sono scomparse e la testa ha assunto lo stesso colore del resto del corpo.

In Omniverse, il suo aspetto è leggermente modificato: la testa è ora circondata da una nuova collana con lunghe corna. La sua testa è anche più larga, con narici più grandi e ora ha sfumature rosa intorno ai bordi. Indossa bracciali rossi con polsini gialli in alto e in basso. Ha indossato una cintura rossa con polsini gialli, con un teschio di toro al centro. Sotto il teschio c'è un piccolo perizoma rosso.

Personalità[]

Una volta che Addwaitya ha messo le mani sull'Alfa Runa, il suo potere lo ha corrotto al punto da fargli credere che ogni cosa vivente gli "rubi" il mana.

Una volta che l'Alfa Runa e il suo trono gli furono sottratti, la sua sanità mentale sembrò essere leggermente danneggiata, anche se questo non lo fermò dai suoi tentativi di recuperare l'Alfa Runa e il suo trono dal loro nuovo proprietario: Incantatrice.

In Omniverse è amareggiato per le sue sconfitte passate e ancora di più per l'impotenza con cui si trova nella borsa di Incantatrice, ma durante il periodo trascorso lì dentro si è dimostrato molto manipolatore, in quanto ha dato consigli a Incantatrice che sembravano utili, ma che alla fine hanno fallito, portando alla sua fuga dalla borsa.

Storia[]

Migliaia di anni fa, Addwaitya padroneggiò la magia.

Qualche tempo dopo, Addwaitya mise le mani sull'Alfa Runa, un oggetto magico estremamente potente (che in realtà era un pezzo della Mappa dell'Infinito sotto mentite spoglie) e raggiunse il mondo interdimensionale di Legerdomain. Fu corrotto dall'immenso potere magico che l'artefatto possedeva.

Gli abitanti di Legerdomain, pur essendo per la maggior parte maghi e maghe molto potenti, non riuscirono a sconfiggerlo e il loro capo, Spellbinder, fu costretto a inviare sulla Terra suo fratello Hex e sua figlia Incantatrice per tenerli al sicuro. Mentre lo faceva, Addwaitya lo uccise e prese il controllo di Legerdomain. Aveva anche ridotto in schiavitù la maggior parte degli abitanti di Legerdomain perché eseguissero i suoi ordini.

Poteri ed abilità[]

Addwaitya è incredibilmente forte quando possiede l'Alfa Runa e Incantatrice sostiene che sia il più potente stregone dell'universo. Capace di lanciare incantesimi senza pronunciarli, ha sconfitto facilmente Gwen, Incantatrice e Kevin. È stato persino in grado di combattere Ultra Omosauro senza essere sconfitto.

Anche senza l'Alfa Runa e con la maggior parte del suo potere prosciugato da Incantatrice, Addwaitya era ancora in grado di eseguire incantesimi di notevole potenza. Tuttavia, non era all'altezza di Incantatrice quando lei aveva in mano l'Alfa Runa e lo sconfisse facilmente.

Addwaitya conserva i suoi normali poteri di Geochelone Aerio, anche se gli mancano i fori sul torso.

Debolezze[]

Come Geochelone Aerio, Addwaitya ha tutte le debolezze standard della sua specie, anche se ha meno punti ciechi a causa della posizione della testa.

Sebbene l'Alfa Runa gli abbia conferito un grande potere magico, lo ha reso estremamente irrazionale e violento.

Senza l'Alfa Runa, la sua capacità di incantesimo è notevolmente ridotta. Quando era nella sua forma di figura di pietra, era ancora più indifeso e alla mercé di Incantatrice, anche se era in grado di manipolarla, anche se in modo più sottile, dandole consigli che sembravano utili ma che alla fine hanno portato alla sua sconfitta e alla sua fuga.

Addwaitya è vulnerabile all'elettricità, come quella generata da un Amperi.

Etimologia[]

Addwaitya prende il nome da un maschio di tartaruga gigante di Aldabra del Giardino Zoologico di Alipore, in India, che ha vissuto 255 anni ed era ritenuto l'animale più longevo del mondo. Il nome deriva anche dalla parola sanscrita "advitya", che significa "qualcosa che non è secondo a nessuno".

Curiosità[]

  • Addwaitya era un venerato filosofo e mistico della sua specie, che sembrava aver raggiunto la divinità. Poiché i Geochelone Aerii sono gentili e delicati, presumevano che l'essere che veneravano lo fosse altrettanto.
    • Nessuno sa che Addwaitya si sia corrotto.
  • Addwaitya è stato alterato dall'enorme quantità di potere magico che manipola, e quindi non assomiglia a un Geochelone Aerio convenzionale.
  • L'aspetto e il luogo di residenza di Addwaitya ricordano il cattivo dei fumetti Marvel Comics Dormammu, nemesi di Dottor Strange.
Advertisement